N. 11 Febbraio 2020: Val di Noto, meraviglia barocca e non solo


La pietra “black and white” dei palazzi che scontorna l’azzurro profondo del cielo, i “colori pintati” sulle ceramiche, il cioccolato granuloso, la terra schietta, il mare che buca in trasparenza e il vulcano che non ti lascia mai, i dolci ipnotici e i pomodorini odorosi. Si chiama Valle di Noto, terra di tardo barocco siciliano e di bellezze custodite dall’Unesco. Ma chi sa cosa è veramente? Il Vallo di Noto era l’intero triangolo sud-orientale della Trinacria, ossia l’area siciliana che punta verso Malta e poi le coste libiche e che comprendeva le provincie di Ragusa, Siracusa e parte di quelle di Catania, Enna e Caltanissetta. Anno 1693: un terremoto rade al suolo i maggiori centri urbani. La ricostruzione è maestosa: dalle macerie sboccia quel Barocco siciliano che costituisce l’ultima prodigiosa fioritura del Barocco europeo. Oggi 8 località sono sotto l’ala dell’Organizzazione delle Nazioni Unite per l'Educazione, la Scienza e la Cultura. Non solo arte e architettura ma cibo, natura, esperienze a 360 gradi: visitatele subito!
TAGS :
  • #baroccosiciliano
  • #caciocavalloragusano
  • #catania
  • #cittàdeiponti
  • #modica
  • #noto
  • #palazzoloacreide
  • #ragusa
  • #siracusa
  • #valdinoto
  • #valdinotounesco

Sommario

Non perdere nessun numero di e-borghi travel, iscriviti alla nostra newsletter
e potrai scaricare la rivista per leggerla offline, è gratis!

Nome e Cognome
Indirizzo email
Cittá