N. 8 Gusto e borghi: Quattro cucine in Cina


Sospendiamo qualunque immagine abbiamo negli occhi della Cina moderna, di città immense e di infrastrutture da guiness dei primati. E dimentichiamo anche involtini primavera e riso cantonese. Iniziamo invece a immaginare villaggi ricchi di storia dichiarati Patrimonio dell'Umanità dall'Unesco, immersi in paesaggi fantastici (basti pensare che le montagne fluttuanti di Avatar si ispirano alle formazioni carsiche del Guilin) e poi l'esperienza di una cucina antichissima, in un paese dove il cibo svolge un ruolo prioritario nei rapporti sociali. La Cina, mosaico di etnie, lingue, climi, culture e colture, è naturalmente espressione di tante diverse cucine che tuttavia condividono un principio comune: i cibi si suddividono in alimenti ying (umidi, soffici, freschi) e alimenti yang (fritti, speziati, caldi) e ogni pietanza deve armonizzare, nella ricerca dell'equilibrio, i due gruppi. Armati quindi di bacchette e di spirito per l'insolito vi proponiamo di seguito un'esperienza del gusto che hai i suoi riferimenti nei quattro punti cardinali, corrispondenti alle aree dove sono nate le correnti di pensiero della cucina tradizionale.

Sommario

Non perdere nessun numero di e-borghi travel, iscriviti alla nostra newsletter
e potrai scaricare la rivista per leggerla offline, è gratis!

Nome e Cognome
Indirizzo email
Cittá