La rivista di viaggi, digitale e gratuita, su turismo lento e borghi
Accedi alla Community

e-borghi travel 22, Marzo 2021: Rosazza: un borgo, mille simboli

Ci sono luoghi in Italia che in pochi conoscono. Spesso sono un po’ defilati, lontani dalle grandi arterie stradali e dalle metropoli, dove la natura ha ancora un ruolo importante e dove la storia è passata lasciando segni, in alcuni casi molto evidenti, in altri casi più nascosti e proprio per questo più intriganti. Come a Rosazza, un borgo in provincia di Biella che stiamo per scoprire proprio per carpirne il segreto e raccontarne il fascino misterioso. La storia di Rosazza e di queste valli affonda nei secoli più remoti, quando anticamente le dorsali che si sviluppano lungo il corso del torrente Cervo, in una zona montagna al confine tra Italia e Francia, furono occupate in parte da popolazioni mediterranee, provenienti dalle pianure, e in parte da popolazioni celtiche dalle montagne. E si sa: dove ci sono i celti, ci sono i misteri. Ma il mistero che andremo a raccontare in queste pagine nulla ha a che fare con questo antico popolo, anzi è molto più vicino ai nostri tempi.

Esoterismo e massoneria tra le valli del Cervo

Il legame di Rosazza col mistero, con l’esoterico e il magico, è infatti unito alla figura di Federico Rosazza Pistolet, un senatore del Regno d’Italia vissuto tra il 1813 e il 1899. La sua fama, che perdura tuttora, è legata a numerose opere pubbliche realizzate a sue spese a favore delle isolate popolazioni della Valle del Cervo, la più importante delle quali è la strada che collega ancora oggi i santuari di San Giovanni d'Andorno e di Oropa. Nato proprio a Rosazza, Federico si laureò in giurisprudenza e visse a Genova dove conobbe Mazzini, aderendo ai valori della Giovine Italia. Ed è proprio in questo ambiente che iniziò  interessarsi all’alchimia, al mondo esoterico e allo spiritismo e strinse i primi legami con la Massoneria, un’associazione nata in Inghilterra nel Settecento e tuttora esistente il cui scopo ultimo è “il miglioramento dell’uomo e dell’umanità”. La critica più diffusa verso la Massoneria è incentrata sul carattere segreto che essa impone intorno alle proprie riunioni (durante le quali s’indagano questioni etiche, filosofiche e morali) e ai propri “misteri”, cosa che, unita al forte senso di misticismo e al rigido impianto gerarchico, l'assimila, nell’opinione comune, a molte sette religiose.

Un borgo modellato dagli spiriti

Ma torniamo a Rosazza per scoprire i monumenti e i simboli rimasti a testimoniare l’appartenenza del senatore a questo mondo. Dopo gli anni di Genova, Federico fece ritorno al suo paese, ormai fedele alla massoneria e impregnato di cultura esoterica. Nominato sindaco, fece di questo piccolo comune biellese un ritrovo di massoni: organizzò riunioni segrete e fece erigere numerosi edifici che valsero al borgo la nomea di “comune più misterioso d’Italia”. Per realizzarli, si fece aiutare da un artista dell’epoca, il pittore e architetto Giuseppe Maffeis, il quale pare si facesse consigliare addirittura dagli spiriti che consultava grazie ai suoi “poteri” extrasensoriali (dei quali si dice che anche lo stesso Rosazza fosse dotato). I due, che si fecero guidare soprattutto dallo spirito di Ida, la figlia di Federico morta in giovane età, trasformarono un anonimo borgo di montagna in un vero e proprio gioiello di pietra nel quale i rimandi alla massoneria e allo spiritismo sono molteplici e valgono una visita. Gli interventi “suggeriti” dagli spiriti furono sostanziali: nel 1874 il cimitero venne spostato sulla riva sinistra del fiume Cervo e collegato al paese con un ponte a tre arcate. Di grande suggestione, ospita anche alcune tombe massoniche.

Quattro passi nel mistero

Al posto del vecchio cimitero, venne invece costruita una nuova chiesa: tra gli altri simboli (comprese la rosa e la stella sui cui significati si potrebbe scrivere un intero trattato), sul sagrato ci sono dodici cippi a forma di albero che simboleggiano la selva oscura che si incontra prima di arrivare all’illuminazione (rappresentata dalla chiesa, il cui soffitto è stato affrescato da Maffeis con un cielo stellato). Sulla destra della chiesa, un colonnato che conduce alla Via Pulchra, venne decorato con le statue di Rosazza e Maffeis. La chiesa antica fu invece abbattuta, ma il campanile fu salvato e trasformato in una torre merlata, alla quale venne affiancata una palazzina di stile medievaleggiante. Tutto il paese inoltre è stato disseminato di fontane che servivano a portare acqua al paese e che, come tutto il resto, sono state arricchite di simboli e di cartigli. Passeggiare per Rosazza è insomma un vero e proprio compendio di storia del mistero: divertitevi a scovare tutti i simboli nascosti e scopritene il significato per vivere un’esperienza diversa dal solito e di grande impatto emotivo.

Torna alla versione sfogliabile con foto della rivista

TAGS :
  • #borgoesoterico
  • #comunepiùmisteriosod'italia
  • #esoterismo
  • #massoneria
  • #rosazza
  • #simbolidirosazza
  • #vallidelcervo

Sommario

cos'altro vuoi scoprire?
e-borghi 2019-2023 Tutti i diritti riservati • 3S Comunicazione - P. IVA 08058230965
Via Achille Grandi 46, 20017, Rho (Milano) | 02 92893360