La rivista di viaggi, digitale e gratuita, su borghi e turismo slow

e-borghi travel 9, Artigianato e-borghi: Ala, “borgo di velluto”

Condividi
Il borgo di Ala venne insignito del titolo di “città” da Giuseppe II d’Asburgo nel 1765, periodo di grande successo economico e commerciale dato dalla produzione e dall'esportazione del velluto locale in Austria, Boemia, Ungheria e in altri paesi europei. E fu proprio quella, l'epoca in cui il borgo di Ala raggiunse il suo massimo splendore, anche se la tradizione della gelsicoltura e l'allevamento del baco da seta arrivarono molto prima, per opera dei veneziani. Poi Venezia perse la Vallagarina nel 1509 e Ala passò sotto il controllo della Casa d’Austria. La stabilità politica fece crescere le attività manifatturiere e commerciali dei filatoi ad acqua del baco da seta e, superata la peste del 1630, arrivò il periodo più fiorente di questo borgo del Trentino. L'incontro tra l’arciprete Alfonso Bonacquisto e due fuggiaschi genovesi, nel 1657, fu “galeotto”: Giovanbrunone Taddei, il primo a fiutare l'affare, mise a disposizione dei genovesi (Genova era nota per la produzione di velluti) due stanze dove nacque il primo laboratorio dei tessuti, realizzato con macchinari provenienti da Genova.
TAGS :
  • #ala
  • #bacodaseta
  • #cittàdivelluto
  • #gelsicoltura
  • #museodelpianoforteantico
  • #produzionedelvelluto
  • #tessiturecordanidizoagli
  • #vallagarina

Sommario

cos'altro vuoi scoprire?
e-borghi 2019-2020 Tutti i diritti riservati • 3S Comunicazione - P. IVA 08058230965
Corso Buenos Aires, 92 - 20124 Milano | 02 87071950